Cataplessia

Improvvisa e transitoria perdita del tono muscolare, con caduta a terra, inibizione dei movimenti volontari, assenza di riflessi tendinei, senza perdita della coscienza e risoluzione spontanea dopo alcuni secondi o pochi minuti. Il fenomeno è spesso scatenato da eventi emotivi e generalmente associato a episodi di narcolessia.

Cachessìa

Stato morboso caratterizzato da estrema magrezza, riduzione delle masse muscolari e assottigliamento della cute, che diventa grinzosa. La cachessia, cui viene attribuito un carattere irreversibile, è dovuta a malattie croniche e consuntive: tumori maligni in fase avanzata, gravi malattie endocrine, estrema senilità, stati uremici terminali, alcune forme di scompenso cardiaco cronico, ecc. 

Ciclotimia

Psicosi maniaco-depressiva. Si parla di ciclotimia bipolare o monopolare, a seconda che le fasi siano in alternanza (depressiva e maniacale), o sempre dello stesso segno (tutte depressive o, più raramente, tutte maniacali).

Cocktail party (effetto)

Fenomeno attentivo in cui un individuo può selettivamente focalizzare l’attenzione su un particolare oratore e disinteressarsi di altre conversazioni che si verificano simultaneamente.

Coma

Stato di completa perdita della coscienza, della motilità volontaria e della sensibilità, con conservazione, parziale o totale, delle funzioni vegetative. In base alla gravità della sintomatologia si distinguono quattro gradi di coma: il primo con un semplice stato patologico di sonnolenza; il secondo (coma vigile), con possibilità di reazione alle stimolazioni energiche; il terzo (coma poco profondo), con torpore che si attenua dietro stimolazione, persistenza degli ordinari riflessi e di quelli di difesa; il quarto (coma profondo), con abolizione dei riflessi, compromissione delle funzioni respiratorie e circolatorie. Si considerano, inoltre, due altre varietà: il coma dépassé (collocabile oltre il coma profondo) con abolizione dell’attività elettrica cerebrale, assoluta dipendenza delle funzioni vegetative dalle tecniche di assistenza strumentale; il coma prolungato con perdita irreversibile delle funzioni della vita di relazione e parziale conservazione delle funzioni vegetative ma possibile, lentissimo recupero della coscienza. Il coma può conseguire o complicare vari processi morbosi: traumi cranici, violenti stimoli termici (colpo di sole), elettrici (folgorazione), farmacologici. In rapporto alla sede o alla natura della causa determinante, si distinguono il coma cerebrale, ipoglicemico, uremico, epatico, e tossico. Sintomi dello stato di coma sono l’alterazione del respiro (o profondo e continuo o periodico), dell’alito (urinoso nel coma uremico, acetonico nel coma diabetico, fetido nel coma epatico), dei riflessi (per lo più aboliti), delle funzioni degli sfinteri (ritenzione o incontinenza), delle pupille (midriasi o miosi). 

Comportamento

Il complesso coerente di atteggiamenti assunti in reazione a determinati stimoli, o l’attività di un soggetto nelle sue manifestazioni.

Conduite d'approche

Approssimazione per tentativi successivi.

Confabulazione 

In psichiatria, formulazione verbale incoerente, fantastica e mutevole, dovuta essenzialmente a un grave disturbo della memoria di fissazione. In tali condizioni il malato colma le lacune mnesiche con invenzioni fantastiche e mutevoli.

Corea

Malattia del sistema extrapiramidale caratterizzata da movimenti involontari, improvvisi, rapidi, incomposti, incoercibili, continuamente variabili. Può manifestarsi in una metà del corpo (emicorea). 

Cueing Strategies

Utilizzo nell'ambiente di stimoli, che possono essere sia conscia sia non ma che necessitano l'attenzione da parte del paziente, per facilitare il movimento.